CARA CARETTA - Tartarughe del Cilento

CARA CARETTA - Cosa facciamo e come aiutarci
CondividiX:
imm

     Il Cilento è tra i nuovi siti di nidificazione scelti solo negli ultimi anni da alcune tartarughe marine; tramite il confronto del "pattern" facciale, una sorta di impronta digitale delle tartarughe, è stato possibile capire che sono almeno 9 fino ad oggi le tartarughe che hanno deposto uova nel Cilento. Si tratta forse di esploratrici che hanno trovato condizioni idonee all'incubazione delle loro uova. Già da qualche anno e con crescita esponenziale, si registrano sulla costa che va da Eboli a Camerota, nidi di Tartarughe che tengono impegnati biologi del "Dohrn" e volontari da giugno a ottobre. Nell'anno 2016 sono stati individuati 10 nidi. Purtroppo negli anni precedenti questo lavoro di monitoraggio non è stato sempre possibile ed ha portato al rinvenimento di nidi solo in fase di schiusa, purtroppo alcuni nidi hanno avuto alti tassi di mortalità dovuti all'impatto antropico. In collaborazione con i volontari di Sea Shepherd, quest'anno sarà possibile monitorare alcuni tratti di spiaggia che dal 2012 ad oggi hanno avuto presenze di nidi costanti.
 
Dai primi di giugno 2017 è partita la campagna Enpa CARA CARETTA per la protezione dei nidi di tartaruga Caretta caretta nel Cilento. In supporto alla Stazione zoologica "A. Dohrn" di Portici, i volontari di ENPA monitoreranno le coste salernitane per individuare e segnalare alle Autorità competenti i nidi di tartaruga. Questo lavoro permetterà di mettere in sicurezza i nidi ed evitare che siano inavvertitamente distrutti. Le guardie dell'Enpa di Salerno saranno sulle spiagge della provincia nei weekend con materiale informativo da distribuire ai gestori degli stabilimenti balneari.
 
Il monitoraggio consisterà nel pattugliare le spiagge indicate di notte e nelle prime ore del giorno, prima che le tracce dei bagnanti cancellino il passaggio delle Caretta caretta. A questo lavoro si affiancheranno poi attività collaterali quali info point sulle attività dell'ENPA e sensibilizzazione sulle tematiche ambientali ed animali. Grazie alla collaborazione con i biologi del centro recupero tartarughe di Portici, è stato possibile creare una serie di macro aree in cui è ipotizzabile che le tartarughe risalgano per deporre. Sulla base di questi dati si lavorerà in sinergia per tutelare una specie indicata come "vulnerabile" dallo IUCN, l'Unione Mondiale per la Conservazione della Natura.
 
Salviamo gli ultimi dinosauri!                                     

Il progetto CARA CARETTA fra spostamenti, cure, veterinari e attività di sostegno richiede molte risorse. Come per tutte le attività volontarie, nonostante svolga un'importante azione di tutela, ENPA non riceve nessuna sovvenzione dallo Stato. Cosa potete fare per aiutarci? Molto!
DIVENTATE AMICI DI UGA, LA TARTARUGA !

Con un contributo di:

  • 25€ ricevi direttamente a casa la mascotte UGA, un peluche di ben 30 cm.
  • 50€ ricevi direttamente a casa la mascotte UGA e la tessera ENPA
  • 75€ o superiore ricevi direttamente a casa la mascotte UGA, la tessera ENPA e l'attestato SALVATORE DI DINOSAURI
Ricordati di inserire nelle note del versamento "Progetto CARA CARETTA".
Se ci stanno metti anche il tuo nome e indirizzo; altrimenti con gli estremi del bonifico, mandaci una email a comsviluppo@enpa.org con nome, cognome, indirizzo, email e cellulare, così potremo tracciare la spedizione.

Inizia la tua donazione con carta di credito, paypal e altri strumenti di pagamento cliccando qui!

Oppure puoi fare un bonifico sull'IBAN IT 39 S 08530 46040 000430101775
intestato a E.N.P.A. ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI-ONLUS
ricordando la causale "Progetto CARA CARETTA" e le avvertenze di cui sopra.

UGA e le sue compagne, insieme a tutti noi, ti ringrazia di cuore!

  • pub