Categorie

I fatti

Condividi:
04/06/2019
Animali in spiaggia in Puglia, giuridicamente inefficaci le previsioni dell’Ordinanza Balneare 2019. I pet saranno liberi di accedere quasi ovunque. Ottima la previsione di vietare la plastica monouso
1

La Regione Puglia sarà probabilmente la più pet friendly del 2019 per quanto riguarda l’accesso di animali da compagnia in spiaggia. L’Ordinanza Balneare presenta forti limitazioni  per i pet all’articolo 3 comma 2 lettera q, ma siccome l’atto amministrativo non considera in alcun modo la Legge Regionale 56/2018 (“Norme per l’accesso alle spiagge degli animali da affezione”), tali limitazioni sono giuridicamente inefficaci. Gli animali ringraziano.
 
In particolare, la legge regionale 56/2018 garantisce l’accesso alle spiagge degli animali da affezione accompagnati dal proprietario o da altro detentore. La norma – che, ricordiamo, non può essere superata da una ordinanza dirigenziale – dà ai Comuni il termine perentorio del 30 marzo di ogni anno per individuare le spiagge libere in cui è vietato l’accesso agli animali; analogamente – sempre entro il 30 marzo – i concessionari delle spiagge dovranno comunicare al Comune territorialmente competente le misure limitative all’accesso e alla permanenze degli animali nelle spiagge. I Comuni e i concessionari pugliesi che, quindi, entro il 30 marzo non avessero individuato le spiagge vietate all’accesso degli animali, non sono più in tempo per farlo e, di conseguenza, i pet possono (anzi, devono) accedere senza alcuna limitazione secondo quanto previsto dalla legge regionale.
 
“Non serve – spiega Daniela Fanelli, coordinatrice regionale dell’Enpa pugliese – fare ricorso contro una ordinanza che contiene limitazioni contra legem: vale la legge 56/2018, non l’Ordinanza balneare 2019. Chiaramente chiediamo ai detentori di animali di prendersi cura dei propri animali in spiaggia, di rispettare l’ambiente raccogliendo le deiezioni e garantendo sempre l’igiene dei luoghi e la sicurezza di persone e animali. Chiediamo anche di informarsi, prima di prenotare le vacanze in Puglia, qualora il Comune competente avesse fatto, entro il 30 marzo scorso, l’ordinanza con la quale vengono individuate le spiagge interdette agli animali. Da una rapida verifica fatta questa mattina, nessuno dei più grandi Comuni turistici della Puglia ha emanato tali ordinanze entro fine marzo. Tuttavia, non può mai essere vietata agli animali l’intera costa di un Comune”.
 
Eventuali ordinanze comunali emanate tardivamente oltre il termine indicato dalla legge regionale, saranno impugnate da Enpa.
 
Il coordinamento regionale della Puglia ringrazia la Regione per un importantissimo divieto inserito nell’Ordinanza Balneare 2019: quello relativo all’utilizzo di contenitori per alimenti, piatti, bicchieri, posate e cannucce di plastica monouso. È, questa, una importante misura per favorire la sostenibilità ambientale delle spiagge e preservare l’ambiente marino. “È un divieto importante – aggiunge Fanelli – che anticipa l’annunciata volontà dell’Unione Europea di vietare la produzione, la commercializzazione e l’uso di plastica monouso e che, pertanto, fa della Puglia una regione all’avanguardia in Europa.”


Foto di repertorio

    TUTTE LE NEWS DI I FATTI