Categorie

Buoni esempi

Condividi:
10/02/2021
Arezzo, anziana signora ricoverata per Covid incontra il suo cane in ospedale
1

Ricoverata nella bolla Covid dell'ospedale di Arezzo, una donna di 80 anni ha potuto rivedere il suo cane, un barboncino di nome Whiskey, facendo registrare anche un miglioramento nelle sue condizioni psicologiche e anche fisiche. A raccontare l'esperienza la stessa Asl il cui personale sanitario ha reso possibile l'incontro tra l'anziana e il suo cane.
All'inizio era cauto. Preoccupato dall'essere in un ambiente nuovo con  tutte le persone vestite in modo strano. Perfino lui era stato vestito in modo strano con un altrettanto bizzarro lenzuolo. Lo hanno avvicinato al letto e i dubbi non si sono dissolti di fronte alla donna che indossava una maschera total face  trasparente. Ma quando questo le è stata tolta, Whiskey  ha riconosciuto la sua amica. La sua padrona, direbbe un altro cane, che non rivedeva da dieci giorni. Le ha leccato il viso dimostrandole tutto l'amore di cui è capace. Poi si è "ritirato" in fondo al tetto, quasi a guardia della sua amica. Alla fine lo hanno ripreso e riportato fuori dalla degenza Covid di pneumologia del San Donato. Adesso attende di poterci tornare

Carolina ha 80 anni ed è ricoverata da 10 giorni. A casa ci sono quattro figli che la attendono: Silvia, Tina, Sestilio e Marco. Ma non sono i soli. Ci sono anche 2 gatti, il pappagallo Chicco e Whiskey, un barboncino nano bianco di  6 anni.
"Sono fortunato perché' la mia equipe trova non solo la strada professionale, ma anche umana e psicologica per aiutare i pazienti ad affrontare le difficoltà della malattia. Nel caso specifico la collaborazione del paziente per evitare la ventilazione meccanica è fondamentale. L'arrivo del cagnolino ha sicuramente migliorato l'aspetto psicologico della paziente che, sarà una coincidenza, ha avuto anche un miglioramento sul fronte clinico" ha detto oggi Scala, nel corso di una conferenza stampa convocata per raccontare l'esperienza, presenti anche il dg della Asl Toscana sud est Antonio D'Urso e la caposala del reparto di pneumologia.

    TUTTE LE NEWS DI BUONI ESEMPI