Comunicati Stampa

28/07/2014
LUPO UCCISO IN MAREMMA, L'ENPA: NUOVA INTIMIDAZIONE DI STAMPO MAFIOSO, ATTIVATO L'UFFICIO LEGALE. INTERVENGANO I MINISTERI COMPETENTI

- - «Un nuovo agghiacciante e intollerabile atto intimidatorio di stampo mafioso, che chiama in causa responsabilità a più livelli. Gli artefici di questo gesto inqualificabile infatti non sono soltanto i criminali che hanno ucciso l'animale, appartenente peraltro ad una specie particolarmente protetta, ma anche quei personaggi anche appartenenti al mondo istituzionale che, con le loro dichiarazioni e prese di posizione pubbliche più o meno recenti, hanno fomentato l'odio nei confronti dei lupi e degli ibridi.» Lo dichiara l'Ente Nazionale Protezione Animali,al seguito del rinvenimento di una carcassa di lupo abbandonata da ignoti a Semproniano (Grosseto) che prosegue: «Chi, specie a livello locale e anche a firma di associazioni di categoria, non ha perso occasione di lanciare allarmi infondati, di terrorizzare senza alcun motivo la popolazione, di alimentare l'intolleranza ha ben poco di cui rallegrarsi: un altro animale è stato ucciso a causa di un'assurda campagna d'odio.»

Gli amministratori locali hanno dimostrato appieno la loro assoluta incapacità gestionale: il nuovo atto intimidatorio, che segue di alcuni mesi quello compiuto contro le associazioni animaliste, è la "prova provata" di una gravissima debacle politica e dei limiti del progetto Ibriwolf. «Cosa è stato fatto per porre rimedio agli errori commessi nel passato; errori che noi abbiamo più volte denunciato? Dove sono i controlli sul territorio – prosegue l'Enpa -? Dov'è il controllo sul randagismo e il rispetto della legge 281/91? Dov'è l'attività di prevenzione e di repressione dei crimini contro gli animali? Dove sono le sanzioni elevate ai trasgressori? Con il ripetersi di tali reati, quali controlli hanno attivato i comuni e la provincia per la prevenzione di questi atti criminosi?»

Di fronte a tale incapacità un intervento dei Ministeri competenti, quelli dell'Ambiente, delle Politiche Agricole e della Salute è diventato ormai indifferibile: è sempre più evidente, dopo il macabro ritrovamento della carcassa di lupo che la situazione sé ormai sfuggita di mano e che è in corso una escalation.

«Il nostro ufficio legale sta predisponendo una denuncia contro gli autori ancora ignoti di questo ennesimo, orrendo crimine – conclude l'Enpa –. Al contempo, vista la totale indolenza con cui i sindaci e le istituzioni locali hanno affrontato la questione, ci vediamo purtroppo costretti a consigliare i italiani e stranieri di preferire un'altra meta per le loro vacanze. Un territorio dove la legge e gli animali, selvatici e d'affezione, siano pienamente rispettati.» (28 luglio)



Ultimi 5 comunicati:

28/07/2014 - LUPO UCCISO IN MAREMMA, L'ENPA: NUOVA INTIMIDAZIONE DI STAMPO MAFIOSO,...
25/07/2014 - RICHIAMI VIVI, PARLAMENTARI PD SCRIVONO AL PREMIER MATTEO RENZI: CAMBI...
24/07/2014 - RICHIAMI VIVI, VERGOGNA SENATO
23/07/2014 - ABBATTIMENTO DI ORSI IN TRENTINO, L'ENPA DIFFIDA LA PROVINCIA: PRONTI ...
22/07/2014 - RICHIAMI VIVI: CONSEGNATE AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE AMBIENTE DEL...



Sfoglia l'archivio dei comunicati stampa

ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI - Via Attilio Regolo, 27 - 00192 ROMA
Realizzazione TheRightHand
Per qualsiasi contatto con il nostro Ente: enpa@enpa.it