Comunicati Stampa

19/12/2014
Giustizia: contro la proposta del Governo di rendere “non punibili” i reati a danno degli animali, mail bombing e mobilitazione delle associazioni della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente

- - Un “mail bombing” su governo e Parlamento e una giornata nazionale di mobilitazione, il 24 gennaio. Così la Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, fondata da Lav, Enpa, Oipa, Lega Nazionale difesa del Cane e Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, che oggi riunisce 34 associazioni animaliste e ambientaliste, protesta contro lo “Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto”: vero e proprio “colpo di spugna” che rischia di cancellare in un attimo dieci anni di norme penali su maltrattamenti e uccisione di animali. Tali reati, infatti, rientrano nel limite massimo dei cinque anni di reclusione per i quali, secondo il decreto, scatterebbe la non punibilità. Perciò la Federazione chiede a tutti i cittadini di inviare mail di protesta al premier Renzi, al ministro della Giustizia Orlando, ai membri delle commissioni Giustizia di Camera e Senato.

Se il testo fosse approvato, non potrebbero più esserci processi come quello in corso contro l’allevamento Green Hill di beagle per la vivisezione, le condanne di allevatori per lo scandalo “vacche a terra” o di cacciatori per uso illegale di richiami vivi, di circensi, di organizzatori di combattimenti fra cani e di trafficanti di cuccioli. Anche i sequestri di animali sono a rischio, poiché con l’archiviazione gli stessi animali dovranno essere restituiti a chi li deteneva e li maltrattava.

Il Giudice, infatti, dovrà tener conto della “tenuità dell’offesa” e, contemporaneamente, “della non abitualità del comportamento” dichiarando la ”non punibilità” del fatto e riducendo il tutto a una causa in sede civile per risarcimento danni. Per i reati contro gli animali come per tanti altri, dal furto all’abuso d’atti d’ufficio, dalla bancarotta semplice alla corruzione (tanto che, per quest’ultima, il Governo è corso ai ripari con un Disegno di Legge che se sarà approvato porterà da 4 a 6 anni la pena per questo reato, facendolo uscire dall’applicazione di questa norma-capestro) perché questo Schema di Decreto Legislativo, ha scritto il Governo (http://urlin.it/12ddc6), una volta approvato, “consentirà una più rapida definizione, con decreto di archiviazione o con sentenza di assoluzione, dei procedimenti iniziati nei confronti di soggetti che abbiano commesso fatti di penale rilievo caratterizzati da una complessiva tenuità del fatto, evitando l’avvio di giudizi complessi e dispendiosi laddove la sanzione penale non risulti necessaria”.

Benché parziale, la riforma del Codice penale sugli animali, realizzata nel 2004 dalla Legge 189 – con sanzioni inasprite nel 2010 dalla Legge 201 - ha rappresentato una pietra miliare nel riconoscimento della tutela degli animali nel nostro ordinamento giuridico.

Se sarà approvato in via definitiva lo “Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto”,l’Italia si arrenderà al maltrattamento degli animali, nonostante le affermazioni del Trattato di Lisbona sul funzionamento dell’Unione europea che li riconosce esseri senzienti e impegna gli Stati all’applicazione di questo principio. E’ giusto, doveroso, snellire il carico dei procedimenti giudiziari, ma non lasciando impuniti penalmente gli autori di reati gravi che destano allarme sociale. (19 dicembre)

Della Federazione fanno parte Enpa, Lav, Leidaa, Lndc, Oipa,AAE Conigli, AiutiamoFido, Amici Animali Onlus, Cani & Mici per Amici Onlus, City Angels, Earth, Eolo a 4 zampe, Frida's Friends Onlus, I Favolosi Cani 80, Il Rifugio del Micio, Noi Animali, Ombre a 4 zampe, SOS Gaia, SOS Levrieri, Tartamondo Onlus, Gaia Italia, L'Arca della Valle, Anita Onlus, Leal, Mondo Gatto Gruppo Volontari Onlus, Anima Equina Onlus, Con Fido nel Cuore Onlus, Diamoci la Zampa Onlus, Samu Italia Onlus, L'unione fa la forza, Amoglianimali, Voce animale, IHP.

Di seguito da inviare a:

matteo@governo.it, redazione@giustizia.it; callcenter@giustizia.it; orlando_a@camera.it;, viceministro.costa@giustizia.it; nitto.palma@senato.it; felice.casson@senato.it; maurizio.buccarella@senato.it, rosaria.capacchione@senato.it, mariomichele.giarrusso@senato.it, gabriele.albertini@senato.it, lucio.barani@senato.it, enrico.buemi@senato.it, giacomo.caliendo@senato.it, cappelletti.senato@gmail.com, francocardiello@gmail.com, monica.cirinna@senato.it, giuseppeluigi.cucca@senato.it, vincenzomario.dascola@senato.it, ciro.falanga@senato.it, rosanna.filippin@senato.it, nadia.ginetti@senato.it, carloamedeo.giovanardi@senato.it, sergio.logiudice@senato.it, giuseppe.lumia@senato.it, lucio.malan@senato.it, maria.mussini@senato.it, erika.stefani@senato.it, gianluca.susta@senato.it,ferranti_d@camera.it, bonafede_a@camera.it, sarro_c@camera.it, businarolo_f@camera.it, dalessandro_l@camera.it, agostinelli_d@camera.it, amoddio_s@camera.it, bazoli_a@camera.it, berretta_g@camera.it, campana_m@camera.it, pres_caparini@camera.it, chiarelli_g@camera.it, colletti_a@camera.it, costa_e@camera.it, dalia_g@camera.it, dambruoso_s@camera.it, dilello_m@camera.it, ermini_d@camera.it, farina_d@camera.it, fava_claudio@camera.it, ferraresi_v@camera.it, giuliani_f@camera.it, greco_maria@camera.it, guerini_giuseppe@camera.it, iori_v@camera.it, leva_d@camera.it, magorno_e@camera.it, marotta_a@camera.it, marzano_m@camera.it, mattiello_d@camera.it, molteni_n@camera.it, morani_a@camera.it, pagano_alessandro@camera.it, parisi_massimo@camera.it, pini_giuditta@camera.it, rossomando_a@camera.it, rostan_m@camera.it, sannicandro_a@camera.it, sarti_g@camera.it, tartaglione_a@camera.it, turco_t@camera.it, vazio_f@camera.it, verini_w@camera.it, zan_a@camera.it

Il seguente testo:

Le chiedo di non approvare lo Schema di Decreto Legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto odi escludere esplicitamente dalla sua applicazione i reati contro gli animali.
Dieci anni di norme penali contro maltrattamenti e uccisioni di animali finiranno altrimenti nel cestino se sarà approvata tale Schema, che prevede la non punibilità penale per tutti i reati con pene detentive non superiori a cinque anni di reclusione.
E' giusto rendere più rapidi i procedimenti giudiziari, ma non lasciando impuniti penalmente gli autori di reati gravi e che sono effettuati danneggiando tutta la società.
Distinti saluti
Nome Cognome



Ultimi 5 comunicati:

19/12/2014 - Giustizia: contro la proposta del Governo di rendere “non punibili” i ...
18/12/2014 - “Buon Natale ai 4 zampe”, vademecum dell’Enpa per proteggere i nostri ...
18/12/2014 - “Buon Natale ai 4 zampe”, vademecum dell’Enpa per proteggere i nostri ...
16/12/2014 - Cani uccisi in allevamento del Bolognese, l'Enpa: attivato ufficio leg...
16/12/2014 - ANIMALI E AMBIENTE IN COSTITUZIONE, A MILANO PRESENTATO MANIFESTO-APPE...



Sfoglia l'archivio dei comunicati stampa

ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI - Via Attilio Regolo, 27 - 00192 ROMA
Realizzazione TheRightHand
Per qualsiasi contatto con il nostro Ente: enpa@enpa.it